Sale ed ambienti

corte d'onore

Varcato il monumentale portale d’ingresso si accede all’ampia corte d’onore del Castello Medioevale con la imponente facciata interna in pietra calcarea e piperno (antica pietra vesuviana). Sul lato destro in fondo quasi ad angolo sorge un antico pozzo datato 1380 di rilevante interesse nei suoi capitelli che mostrano i primi sentori del Rinascimento Italiano. Nella Corte d’onore (avente capienza di circa 620 persone) è possibile svolgere un cocktail di benvenuto, spettacoli medioevali, accoglienza con sbandieratori, etc…

Terrazza giardino

Si attraversa ora un passaggio ad arco nel bastione del Castello e si giunge ad una terrazza - giardino ove campeggia la torre orientale del maniero con vista dei Monti Lattari. Questa terrazza giardino ha una capienza di circa 250 persone ove svolgere un aperitivo o rappresentazione musicale o celebrazioni varie.

Secondo Giardino

Discendendo ora per una monumentale scala in piperno in stile rinascimentale raggiungendo un altro giardino ove si evidenziano: una peschiera con mascherone cinquecentesco zampillante; altra antica fontana con due forzuti putti che sorreggono uno stemma; un portale con Madonna e Gesù bambino. Infine dal giardino ci affacceremo su uno strepitoso panorama sul Golfo di Napoli con Vesuvio.

Giardino di olivi

Si discende ora attraverso un passaggio nel bastione di difesa risalente al ‘400 e si giunge ove era l’antico fossato in un rigoglioso giardino di olivi con il Jardin d’hiver che può ospitare fino a 500 persone servite a tavola.

Il rivellino, il ponte levatoio e la muraglia

Si risale ora all’interno delle mura medievali e si giunge al Rivellino (costruzione militare caratteristica della seconda metà del ‘400, per la postazione delle artiglierie). Percorso il rivellino e passato il ponte levatoio, si segua, soprattutto al fine di godere del paesaggio, il camminamento che, correndo sulla muraglia (in alcuni tratti alto 20 metri), poneva in comunicazione la rocca con la sua torre di scolta sulla riva del mare e costituiva un altro degli ingressi del castello, forse l’unico che venisse percorso in caso di pericolo, quando tutti gli altri accessi erano preclusi. La muraglia crollò nella parte terminale, verso il mare, probabilmente nella metà del sec. XVIII; tuttavia la parte rimasta indenne è sufficiente per far valutare, a chi percorra l’intero camminamento, sia la grandiosità della muraglia (che fungeva da mura della città, ad occidente) e sia quanto il castello fosse vicino al mare (donde il nome di “Castello a Mare”), specie nei secoli scorsi, allorché non c’erano le banchine del porto ed il mare lambiva il piede del monte.

Sala dei camini

Si supera un cancello e si accede alla Sala dei camini. Sulla destra, la porta, risalente ai primi del ‘700, del forziere di una “universitas” (municipio) umbra. Sul lato sinistro della scala, che adduce ad un pensatoio, si notano graffiti medioevali di navi, che furono incisi con carbonella su intonaco fresco, presumibilmente da galeotti ristretti al castello. Nella seconda sala, altro camino rinascimentale, sulla cui cappa la data 1447. Sulla parete di destra due piccoli portali rinascimentali. Giunti alla terza sala sul lato destro, altro camino rinascimentale, di mole inconsueta nel quale il movimento e l’effetto decorativo, sono ottenuti soltanto in virtù di cornici rettilinee. Sullo stesso lato una grande tela cinquecentesca che rielabora, non tanto, come si reputerebbe a prima vista, l’esequie di san Bernardino da Siena, ma soprattutto i più celebri episodi della vita del Santo. Sotto il quadro, stalli di coro cinquecenteschi, cosi come anche il coro con “alzata” sito sull’altro lato. Sotto la scala, un seggio vescovile, riportante, nel pannello centrale, la riproduzione del bassorilievo di un quattrocentesco toscano.

©Copyright 2019. DES srl. Tutti i diritti riservati. P.IVA:07011811218
Powered by Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.